Svendita Acea e lotta agli sprechi. Alberti (Fds): “Ecco come recuperare 200 milioni di euro”

“La giunta di Alemanno motiva la vendita del 21% delle quote azionarie Acea con la necessità di far fronte ai tagli del governo agli Enti Locali. 200 milioni, questo è l’obiettivo della vendita di Acea. Ma si tratta di un falso per giustificare un favore preelettorale alla speculazione.

La Federazione della Sinistra di Roma ha già illustrato come sia possibile recuperare somme anche superiori, da destinare a servizi e investimenti pubblici, attivando a Roma un’imposta di scopo sui grandi patrimoni, aumentando l’Imu sulle case invendute dei costruttori ed applicandola agli immobili del Vaticano, ed adeguando gli oneri di urbanizzazione. In questo modo si reperirebbero risorse importanti colpendo le ricchezze accumulate e si potrebbe ridurre l’Imu sulla prima casa”. E’ quanto ha affermato oggi il portavoce romano della Federazione della Sinistra, Fabio Alberti, in una conferenza organizzata per illustrare le proposte della fds per ridurre degli sprechi e recuperare 200 milioni di euro, anche intervenendo sul lato della spesa.

ECCO LA TABELLA  tabella che elenca le proposte della Federazione della Sinistra per recuperare 200 milioni tagliando sprechi e spese inutili.

Annunci