Discriminazione razziale: l’ONU “deplora” la politica di Alemanno. Cambiare pagina.

Il Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale (CERD) ha diffuso il 9 marzo 2012 le proprie osservazioni in merito al rapporto periodico sottoposto dalle autorità italiane ad un anno dalla pubblicazione delle Raccomandazioni ONU.

Il quadro è sconfortante.

Gran parte del rapporto deplora la grave situazione di discriminazione e segregazione cui sono vittime gli appartenenti ai gruppi etnici Rom, Sinti e Camminanti.

Il CERD  ha “deplorato” gli sgomberi delle comunità Rom e Sinti che hanno avuto luogo  dal 2008 e che sono proseguiti nonostante l’annullamento del Piano Nomadi da parte del Consiglio di Stato nel 2011, si è “rammaricato” per il modo in cui vengono utilizzati il  personale di sicurezza e i video-controlli per l’accesso ai campi, si è detto “preoccupato” del fatto che Roma, Sinti e Camminanti vivano in una situazione di segregazione de facto dal resto della popolazione in campi che spesso mancano delle strutture per soddisfare i bisogni più elementari, si è detto “estremamente preoccupato” per  il prevalere del discorso razzista, della stigmatizzazione e degli stereotipi nei confronti di Rom, Sinti, Camminanti,  “esprime la sua preoccupazione che i bambini delle comunità Rom e Sinti continuino a subire discriminazioni in materia di accesso all’istruzione

Nel linguaggio diplomatico delle Nazioni Unite il rapporto è una condanna senza appello!

 Incurante di ciò il sindaco uscente, Alemanno, ha impacchettato  la città con i suoi manifesti con cui rivendica lo sgombero dei campi. Dove vanno a finire gli uomini e le donne sgomberate? In moderni campi di concentramento, nelle periferie della città e lontano da ogni servizio, costrette a vivere in condizioni umane e mediche degradate per il solo fatto di appartenere all’etnia Rom e Sinti ( col paradosso di essere spesso cittadini italiani).

Occorre voltare pagina con decisione avviando una politica di integrazione sociale, culturale ed economica delle comunità Rom, Sinti e Camminanti, che non può che partire dal riconoscimento di dignità, superando un lungo periodo di discriminazione che data almeno dalle leggi fasciste “in difesa della razza”.

Annunci

One thought on “Discriminazione razziale: l’ONU “deplora” la politica di Alemanno. Cambiare pagina.

I commenti sono chiusi.