CASAPOUND CI RIPROVA: DIBATTITO NELLA SALA ANTIFASCISTA Alberti (prc):INCOMPRENSIBILE LA PARTECIPAZIONE DEL CANDIDATO PD DOMANI 5 MAGGIO MOBILITAZIONE ALLE 10

Dopo esserne stata da sempre esclusa dalla mobilitazione degli antifascisti del IV Municipio, Casa Pound tenta nuovamente di avere agibilità alla sala intitolata a Ferdinando Agnini, partigiano di 19 anni torturato a Via Tasso e poi fucilato alle Fosse Ardeatine. 
Questa volta si è fatta invitare dal giornale di osservanza Pdl “La voce del municipio” per un presunto confronto tra i candidati alla presidenza del Municipio.
La cosa è tanto più grave in quanto Casa Pound presenta come candidato presidente al IV Municipio proprio quell’Alberto Palladino che è stato condannato nel luglio scorso per il pestaggio a colpi di spranga di alcuni militanti dei Giovani Democratici. A chi si dichiara apertamente fascista e si rende responsabile di pestaggi e violenze non deve essere lasciata agibilità politica e non devono essere concesse strutture istituzionali, tanto più se intitolate ad un eroe della resistenza.
“Risulta del tutto incomprensibile la disponibilità del candidato presidente del Partito Democratico a partecipare a questa farsa – ha dichiarato il segretario del PRC Fabio Alberti – e lo invitiamo a ritirare la propria partecipazione al dibattito, come ha già fatto la candidata delle liste “Rifondazione-Sinistra per Roma” e “Repubblica Romana. Rispondiamo positivamente all’appello degli antifascisti del IV municipio affinchè ci si mobiliti domattina alle 10 di fronte alla sala Agnini in viale Adriatico 136. “

Annunci